Home  -   Chi Siamo  -   Cronache  -   Calendario Corse  -   Porcari Corre  -   News & Eventi  -   Il Medico Risponde  -   Tabelle Allenamento  -   Spazio Video  -   Contattaci
Home   -  Porcari Corre

34° PORCARI CORRE 2018 TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE

TUTTO QUELLO CHE VUOI SAPERE

 

 

 

TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE DELLA PORCARI CORRE E LA TU' MAMMA, PORA DONNA, NON TI HA DETTO. 2018

Domenica 20 maggio ci troviamo presto (ma potete venire fino alle nove) in Piazza degli Alpini a Porcari.

Qualcuno la chiama ancora piazza del mercato, ma tanto vedrete tanta gente e se gli andate dietro ci arrivate. Si fa il cartellino di partecipazione con 3 euro. Quelli fuori zona e fuori Trofei 3.50 (tutta colpa dell'assicurazione).

Se abbiamo con noi figli o nipoti, ragazzi e signorinelle cerchiamo il tavolo dove vengono distribuiti gli zainetti Porcari Corre: dentro lo zainetto una bottiglietta d'acqua e un pacchetto di fazzoletti pronti per l'uso)

Aspettato gli amici, partiamo con gioia verso Est, verso il sole che sarà già alto, fronte alta, sorriso splendido e via. Lungo la strada cartelli vi diranno dove andare per il vostro percorso preferito. I primi, quelli della 3 e della 5 km girano prima del ponte del Leccio, vanno in Via Sbarra ed esuberanti e felici nella bellissima tenuta dei Montrasio fino a raggiungere la Torretta.

Lì aspetteranno tutti gli altri che nel frattempo sono andati alla Pineta, hanno preso Via Pollinelle e al Madrigali girato per via della Pace, allo Chalet la 10 scende alla Legge e nello spiazzo del mitico ristoro di Castrense aspetteranno quelli dei percorsi più lunghi.

Questi li avevamo lasciati allo Chalet, scendono verso la Verrua, salgono un colle bellissimo, fra ulivi e il limitare del bosco dei Comunali, scendono alla vecchia Fornace che non c'è più, San Giuseppe (uovo con pancetta e crostone di pane!!!!) Via Poggiobaldino...attenzione, attenzione, niente divisione. Quest'anno tutti insieme appassionatamente in Via del Tredici, 20 e 17km, arriveranno come Lanzichenecchi in Montecarlo.

Porta Nuova (a quel tempo era nuova) entrano trionfanti nella via che taglia il borgo in due. I bar con i tavoli, la torre campanaria, Montecarlo è sempre un "belvedere". Chiotti chiotti arrivano davanti alla Fortezza Medicea, accolti dalle marcette della Banda G.Puccini del luogo e dal Gruppo storico di Montecarlo.

Lasciamo a malincuore la combriccola gustando un crostino con i fagioli all'uccelletto cotti nel paiolo sul treppiede e se ne vanno verso la Nina e vicino al noto ristorante, il nostro ristoro altrettanto noto.

Sempre a braccetto la 17 e la 20 vanno verso San Martino e subito sotto il piccolo borgo con la bellissima chiesetta, si salutano.

Fazzoletti e promesse di rivedersi presto. Mentre la 17 continua per il suo sentiero verso il Quercione, la 20 va a dritto verso Birillo, verso l'antica Cassia, la vedrà ma girerà in alto a sinistra, un pezzo nuovo della 20. Il colle verrà percorso sul crinale con sulla destra la valle di Lappato che mostra le colline di Gragnano, troviamo un boschetto e si scenderà passando vicino a una villa e da questa giù fino ad un laghetto e ci ritroviamo ai lavatoi di Fontananuova, si sale verso il Quercione. da questa girerà a sinistra e scenderà in fondo alla collina ai lavatoi e risalirà verso il Quercione nell'ombrosa e polverosa strada sterrata.

Baci e abbracci sotto il Quercione, come ricordo imperituro con la promessa di non lasciarsi mai. Poi solito sentiero davanti la Villa del Carrara. Francesco, lo conoscete no?, quello seduto nel Cortile Carrara davanti alla Prefettura di Lucca, quel signore così importante, imponente. Peccato che la sua cera sia verdognola tipo rame invecchiato. I nostri amici fanno festa al ristoro della Legge dove trovano quelli della 10 che hanno divorato tutti i panini. Da qui salgono verso la località Capello, una splendita traversata nella proprietà Ramacciotti e con calma salgono Forabosco, la Masada, fino al Ristoro di Robertino. Quest'anno il caffè con panna, il ponche, al sapore di curacao e ratafià, un tocco di Paolo Conte certo è d'obbligo. Ci sarà da piangere a lasciare i biscotti della Pasticceria Toschi e i tavolini al fresco delle acacie, ma il bosco ci chiama. Eccoli sul prato del pastore e con un'occhiata nonchalance (ostentanta indifferenza, disinteresse) guarderanno la sagoma di Montecarlo lontano, poi la Torretta. Che cosa è la Torretta? Come per un neonato è il capezzolo della mamma, questa collina è per i porcaresi, così rotonda, il capezzolo dove suggono il latte della loro esistenza. Un balcone dove perdersi nell'azzurro del cielo, dove mescolarsi ai sogni e ai desideri, un luogo dove misurare la vista e fare a gara a chi vede più lontano. Ma la piazza da dove sono partiti è laggiù, brulicare di persone..."andiamo andiamo che finiscono tutto, finiscono i crostoni di pane con salsiccia...via via" , quest'anno anche la pasta asciutta degli Alpini, ma non hanno ancora capito che a Porcari c'è un sfida fra chi dà e chi chiede per vedere chi si stancherà prima. La cittadina ancora incredula e assonnata, la piazza nella sua bellezza, il Municipio e l'arrivo. Ecco ora a mangiare le torte di verdura e poi pane e salsiccia e poi torta di cioccolato e poi panino alla mortadella...orzo, thè, ma ce l'avete un bicchierino di "curacao"? (Liquore dolce non molto alcolico ottenuto dalla distillazione della buccia di una varietà di arancia amara originaria dell'omonima isola delle Antille, diz. Il Corriere della Sera ).

A questo punto si guarderanno intorno, placati dalla fatica e saziati dal cibo, vedranno che Maratonando ha quasi finito tutte lescarpe in offerta, ma ne ha ancora sul furgone, c'è quello che vende il formaggio e le salsicce, il coltivatore diretto che vende i cavoli e i pomodori, qualcuno vi propone dello yogurt, o un bel viaggio alle Hawai.

Ma quello che la mamma non gli aveva detto è che la Porcari Corre è una corsa impegnativa, dove c'è da sudare ma si può passeggiare, si può tenere per mano chi si ama, o chiacchierare con un amico, si può rincorrere e correre senza che nessuno ti odi per questo, ma si può anche "baloccare" a naso in aria. E sopratutto potrai dire alla tua mamma che la Porcari Corre è una festa!!!

Andrea Bartalesi